<iframe src="https://www.googletagmanager.com/ns.html?id=GTM-5G2JZG2" height="0" width="0" style="display:none;visibility:hidden">

Arte Digitale – Fondazione Onassis

Nuovo progetto di Arte Digitale. Fondazione Onassis scegli ancora i LedWall di Macropix.

La tecnologia digitale sta entrando nel corpo umano e lo sta estendendo oltre i suoi limiti. Questa rete di corpi, una diramazione di tecnologie ci invita a cercare i limiti dei “plásmata” ovvero “esseri”, “creazioni” o “cose immaginarie” che noi stessi creiamo.

Fondazione Onassis ha scelto ancora una volta, come ambientazione, il Parco Pedion tou Areos – uno spazio che era nato come campo di addestramento dell’esercito prima di diventare un luogo di svago per gli abitanti della città – per parlare del corpo non solo come luogo della soggettività, ma anche come campo di conflitto identitario, politico e sociale, come il fulcro sia del piacere che del dolore e, in definitiva, dell’esistenza dell’essere umano.

“Plásmata” – che va dal 23 maggio al 10 luglio 2022 – si apre presso la statua del re Costantino I e arriva fino al Teatro Alsos e alla pineta che si trova al di là.

Quest’anno la mostra seguirà percorsi che chiedono di scoprire parti del parco poco conosciute dal grande pubblico invitando i visitatori della mostra ad esplorare le aree di Pedion tou Areos che costeggiano Alexandras Avenue, il lato in cui si trova la statua della dea Atena, e a girovagare tra i padiglioni digitali e gli eventi situati nelle radure e nelle aiuole nascoste all’interno del parco . Si tratta di un approccio curatoriale consapevole che consente ai visitatori di impegnarsi con la mostra nelle aree più famose di Pedion tou Areos prima di essere invitati a perdersi all’interno del parco per scoprire mostre, attività collettive ed eventi sorprendenti.

25 pezzi internazionali, nuove commissioni, 40 batterie solari che raccolgono l’energia del sole di giorno per creare una luna artificiale a 70 metri dal suolo utilizzando raggi laser di notte, un umanoide che distribuisce medicine in una farmacia abbandonata ai margini del parco, un enorme pianeta rosso che ci ricorda la nostra Terra surriscaldata. A tutto questo si uniscono oltre 250 metri quadrati di opere a LED a marchio Macropix!